Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Un lettore anonimo scrive: I progetti sono i progetti per una ragione. Non solo tendono a contenere la scrittura non lucidata e pensieri non finiti, sono riempiti spesso di piccole note che ci lasciamo per riempire più successivamente. Slate i rapporti su una carta recentemente pubblicata in etologia del giornale che ha contenuto una auto-nota sfavorevole che la ha trasformata il finale, articolo pubblicato, malgrado strati su strati di pubblicazione, di revisione tra pari e di correzione delle bozze. In mezzo ad una frase circa le preferenze shoaling, la nota chiede, “dovremmo citare la carta disgustosa di Gabor qui?„ Una volta informato dell’errore, l’editore lo ha preso rapidamente giù e che ha detto che “avrebbero studiato„ come la linea non è stata presa. Uno degli autori ha detto che non era intenzionale e scusato per l’errore scortese.

Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Legga più di questa storia a Slashdot.

Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica
Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica
Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademicaChe cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademicaChe cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Fonte: Che cosa accade quando nessuno corregge le bozze di una carta accademica

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente Nave ammiraglia Apple Store e spazio ufficio detto per il centro di commercio di Broadway a Los Angeles del centro Successivo Il robot dell'atlante della dinamica di Boston pesa 330 libbre, ma può ora equilibrare su una gamba