Googli per rimuovere la pornografia di vendetta dai risultati di ricerca nella vittoria contro molestie online

Internet può essere un posto viscoso, ma Google sta prendendo una posizione importante contro una delle pratiche più spregevoli trovate sul web – vendichi la pornografia. In un post del blog ha liberato venerdì da Amit Singhal, lo SVP della ricerca con Google, il gigante del motore di ricerca ha annunciato i piani per onorare le richieste di rimuovere le immagini grafiche compartecipi senza consenso dai risultati di Google. “Nelle prossime settimane,„ il post indica, “metteremo su una gente della forma di web possiamo usare per presentare queste richieste a noi ed aggiorneremo questo post del blog con il collegamento.„

La pornografia di vendetta ha attirato coerente la critica come forse la forma più bassa e più irriverente di molestie online ed è una quella il più spesso mira alle donne. Infatti, secondo i dati dall’iniziativa cyber di diritti civili (CCRI), 90 per cento degli obiettivi di pornografia di vendetta sono donne e 93 per cento delle vittime sostengono soffrire l’emergenza emozionale significativa dovuto essere una vittima. Peggiore ancora, 49 per cento di pornografia di vendetta sottopongono il rapporto che è tormentato o inseguito online dagli utenti che hanno veduto il loro materiale.

Ecco perché il cambio politico di Google è così importante, poichè il motore di ricerca è un meccanismo chiave da cui queste immagini sono trovate e si distribuiscono. Ha scritto Singhal, “la nostra filosofia sempre è stato che la ricerca dovrebbe riflettere l’intero web. Ma le immagini di pornografia di vendetta sono intensamente personali ed emozionalmente offensive e serviscono a degradare soltanto le vittime – principalmente donne. Così andando in avanti, onoreremo le richieste dalla gente di rimuovere il nudo o sessualmente – immagini esplicite compartecipi senza loro consenso dai risultati di ricerca con Google. Ciò è una politica stretta e limitata, simile a come trattiamo le richieste di rimozione di altra informazione personale altamente sensibile, quali i numeri di conto bancario e le firme, che possono affiorare nei nostri risultati di ricerca.„

Eppure e poichè Google riconosce, questo nuovo sistema completamente non risolverà l’emissione di pornografia di vendetta, ma è certamente un punto nella giusta direzione. Le misure più efficaci, tuttavia, possono anche presto esistere, con gli aiutanti dall’ufficio di Jackie Speier di congressista che informa le tendenze di Digital che il legislatore sta completando la legislazione federale proposta che criminalizzerebbe la pratica.

Ed attaccando la pratica da un punto di vista culturale, il commediante John Oliver ridicolizzerà stasera e condannerà la pornografia di vendetta sull’episodio di domenica della settimana scorsa.

Così mentre ha stato un molto momento che viene e la soluzione ancora non è perfetta, i punti che sono sia Silicon Valley che Capitol Hill contenuti Chi va piano, va sano e va lontano stanno aiutando le vittime di pornografia di vendetta raggiungono una certa specie della giustizia.

Fonte: Googli per rimuovere la pornografia di vendetta dai risultati di ricerca nella vittoria contro molestie online

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente Jony Ive era giusto: Apple guarda è un problema per l'industria svizzera dell'orologio come le esportazioni immergono Successivo Che cosa il vostro primo amico di Myspace assomiglia ad oggi? Tom Anderson divide un selfie raro su Instagram