Il contenuto di Facebook è una prova conveniente per i pubblici ministeri, ma non per gli imputati

C’è una difficile tensione tra il diritto alla privacy degli utenti e il diritto degli imputati ad un processo equo. Fonte: i contenuti di Facebook sono prove utili per i pubblici ministeri, ma non per gli imputati (leggi qui)

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente Ricerche Web rivelano (in Aggregato) Cosa stiamo davvero pensando Successivo È davvero una buona idea scaricare i data center sul fondo del mare?