Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Un lettore anonimo scrive Google oggi ha fornito un aggiornamento sul suo piano per rimuovere l’Application Programming Interface alimentabile di Netscape (NPAPI) da cromo, che secondo la società migliorerà la sicurezza, la velocità e la stabilità del browser come pure riduce la complessità nella base di codice. In breve, l’ultima cronologia è come segue: Blocchi nel gennaio 2015 tutti i plugin per difetto, disattivi l’appoggio nell’aprile 2015 e rimuova l’appoggio completamente nel settembre 2015. Per il contesto, Google in primo luogo ha annunciato nel settembre 2013 che stava progettando di cadere NPAPI. Quando, Google ha detto i dati anonimi di uso del cromo hanno mostrato che appena sei plugin di NPAPI sono stati usati da più di 5 per cento degli utenti e la società stavano sperando di rimuovere prima della fine del 2014 l’appoggio da cromo “, ma la sincronizzazione esatta dipenderà da uso e da reazioni dell’utenza.„

Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Legga più di questa storia a Slashdot.

Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio
Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio
Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaioIl cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaioIl cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Fonte: Il cromo di Google bloccherà tutti i plugin di NPAPI per difetto a gennaio

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente Questi interni di tecnologia probabilmente stanno facendo più di siete Successivo Il nostro salvatore, il supercriminale