La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

L’ars technica riferisce che Microsoft ha cominciato a dare ad alcuni utenti un gusto di una nuova versione di Skype, con una grande differenza confrontata a quelle precedenti: il nuovo (provato dagli utenti su una base dell’invito) è browser basato. Piuttosto che facendo uso della norma attuale di WebRTC, sebbene (evitato come troppo complesso), Microsoft abbia sviluppato un ORTC chiamato spec. separato (oggetto RTC), che è destinato per offrire le simili capacità ma senza affidare questo stesso sistema in mandato di collegamento. Sia Microsoft che Google stanno contribuendo a questa spec., come sono rappresentanti delle società con video comunicazione, la telefonia ed i prodotti relativi. ORTC attualmente non è benedetto come progetto W3C, sebbene il gruppo di ORTC abbia proposto di integrare ORTC in WebRTC per creare WebRTC 1,1 e di comprendere le parti di ORTC in WebRTC 1,0. Per ora almeno, il video o l’audio chiacchierata quindi richiede un plugin e richiede Internet Explorer 10, o browser recenti del cromo o di Firefox e un safari corrente su Mac OS X. Inoltre a TechCrunch, tra l’altro, che nota che la chiacchierata del testo (comunque come citato, non video o audio) funzionerà con nuovo Skype sotto ChromeOS, anche.

La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni) La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

Legga più di questa storia a Slashdot.

La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)
La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)
La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

Fonte: La nuova prova porta Skype ai browser (alcuni)

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente il emoji di legno Super di taglia è ultimo progetto Nick Offerman Successivo Neutralità netta: Ford, UPS, visto e FCC dell'ingresso di BofA nel segreto