Luce monocromatica come insetticida Specie-selettivo

Un lettore anonimo scrive: Gli effetti nocivi di luce ultravioletta sono stati lungo conosciuti. Ma ora i ricercatori all’università di Tohoku nel Giappone sostengono che la luce blu visibile è inoltre letale a molti insetti, possibilmente ancor più che UV, anche alle intensità ragionevoli di luce del giorno. Inoltre, riferiscono che determinate specie sono più sensibili alle lunghezze d’onda specifiche: Dato la stessa intensità (3×10^18 i fotoni/sec/m^2), luce nella gamma 440-467nm erano molto più letali alle mosche di frutta che la luce delle lunghezze d’onda più lunghe o più brevi. La lunghezza d’onda 417nm era tre volte efficaci alle larve della zanzara di uccisione che la più breve luce 404nm, contraddicente la nozione che i fotoni più ad alta energia causano sempre più danno. La ricerca ha ampie implicazioni per la modellistica dell’effetto dei cambiamenti ambientali naturali ed artificiali sulle popolazioni dell’insetto e per le popolazioni selettivamente di controllo di determinate specie.

Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo

Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo

Legga più di questa storia a Slashdot.

Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo

Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo
Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo
Luce monocromatica come insetticida Specie selettivo

Luce monocromatica come insetticida Specie selettivoLuce monocromatica come insetticida Specie selettivoLuce monocromatica come insetticida Specie selettivo

Fonte: Luce monocromatica come insetticida Specie-selettivo

Cosa pensi di questa notizia? Dì la tua su Facebook!

Precedente Che cosa è mandrino Johnson e perché? Il giornalista peggiore del web, spiegato Successivo migliore androide 12 che cucina i apps di ricetta di androide e dei apps