Quella volta ho spedito per e-mail una vecchia bozza di lettera d’amore al mio ex

"Ciao ho pensato a te ultimamente" – è così che è iniziata la bozza. Niente tappini, niente punteggiatura, nemmeno una riga di soggetto, solo un raggio telepatico di disperazione dal mio cervello. Fonte: Quel momento in cui ho inviato per e-mail una vecchia brutta copia della mia lettera d’amore (leggi qui)

Precedente Come i robot sessuali potrebbero rivoluzionare il matrimonio, per il meglio Successivo I Vigilantes su Facebook che scorrono per catturare un'imboscata in stile predatore di pedofili presunti